Intrattenimento
1

Nastri d’Argento: trionfano Virzì e Genovese

4 luglio 2016
1125 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Nastri d’Argento: trionfano Virzì e Genovese

Oltre al sofisticato cinema di Sorrentino, la nuova generazione di registi italiani è riuscita negli ultimi anni a rompere una sorta di bolla in ci era rimasta confinata per decenni, all’interno della quale il tentativo di imitare a tutti i costi il lavoro dei grandi maestri di Casa Nostra aveva prodotto una sorta di ristagno in termini di idee e canoni espressivi.

Non stupisce quindi che le produzioni di Virzì e Genovese riscuotano sempre più successo presso un grande pubblico desideroso di rispecchiare i propri vizi e le proprie virtù attraverso il filtro di uno schermo, sempre meno orientato al passato e sempre più in grado di descrivere i nostri costumi in modo attuale ed originale.

pazzagioiavirzì_emergeilfuturo

Dopo i David di Donatello, che avevano assistito al trionfo assoluto di Paolo Genovese del suo “Perfetti Sconosciuti”, anche i Nastri d’Argento hanno voluto incoronare il nuovo cinema italiano, conferendo la palma di miglior film alla Pazza Gioia di Virzì e replicando il riconoscimento, nella categoria “miglior commedia” per l’opera di Genovese.

Nel dettaglio, l’edizione speciale dei Nastri, ideata per festeggiare i 70 anni della rassegna cinematografica italiana, ha visto la variazione di Virzì sul tema “Thelma e Louise” aggiudicarsi il riconoscimento come miglior film italiano dell’anno, condendo il trionfo con i premi assegnati a Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi in qualità di migliori attrici, alla miglior sceneggiatura originale e ai migliori costumi, mentre la vittoria di Genovese nella sua categoria è stata completata dal riconoscimento assegnato al brano inedito di Fiorella Mannoia composto per la sceneggiatura del film e da una menzione al cast collettivo in cui non esiste un vero protagonista, ma sono i sette amici riuniti a tavola ad alimentare la vicenda incentrata sulle vite segrete dei commensali.

Ennesimo riconoscimento infine, per l’audace Lo chiamavano Jeeg Robot di Mainetti, incoronato in qualità di miglior esordio e per il ruolo di miglior attore non protagonista interpretato da Luca Marinelli, con la coppia di premi assegnata alla volontà di osare presente in tutto il film, destinato sicuramente a fare proseliti e a portare in scena un ritratto del Nostro Paese ormai distante anni luce dagli schemi classici e dalla volontà di doversi confrontare a tutti i costi con un passato tanto magnifica quanto ingombrante.

 

[adrotate banner=”6″]

Altri post che ti potrebbero interessare

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi