Scienza e Tecnologia
1

Amazon e il Kindle Fire venduto ad un euro

18 maggio 2016
1036 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Amazon e il Kindle Fire venduto ad un euro

Tra i dogmi che definiscono il nostro approccio alla tecnologia, ve n’è uno che riguarda l’assoluta infallibilità dei grandi siti di e-commerce, come Amazon, e che ci porta a ritenere senza ombra di dubbio che i prezzi esposti in bella vista a fianco degli oggetti in vetrina corrispondano al loro reale valore di mercato o, al massimo, ad una sapiente promozione ideata per ampliare il novero di acquirenti a scapito della concorrenza.

Facendo leva sul sopracitato dogma, un enorme numero di utenti di Amazon, durante la giornata di ieri, ha preso per buona una sensazionale offerta che proponeva un tablet Kindle Fire 7 alla ridicola cifra di un euro, spese di spedizione escluse, e ha prontamente provveduto a riempire il carrello con il maggior numero di oggetti possibile, provvedendo al contempo a svuotare qualche armadietto di casa in previsione di una scorta da reimpiegare magari in veste di regalo di Natale.

amzontablet_emergeilfuturo

Colpiti da una duplice doccia fredda, gli acquirenti del prodotto, rapidamente divenuto virale in virtù di un passaparola su internet, si sono accorti introno alle ore 10 che il dispositivo aveva magicamente riacquistato il suo valore originario, stimato nella cifra (comunque più che ragionevole) di circa 70 euro e che la dicitura “euro 1” era scomparsa dal sito senza lasciare traccia del suo fugace passaggio.

Giusto qualche ora di incertezza e Amazon è giunta prontamente a fugare i dubbi residui, ammettendo il madornale sbaglio compiuto e provvedendo a cancellare gli ordini effettuati mediante una comunicazione agli acquirenti tanto indesiderata quanto beffarda a fronte dell’effimera gioia percepita per l’affare concluso.

Fatta eccezione per qualche fortunato cliente, che pare effettivamente destinato a ricevere la merce per via di una svista del sistema elettronico di controllo, gli acquirenti del Kindle Fire 7 si troveranno a bocca asciutta, più o meno quanto i gestori del sito, responsabili di una svista colossale e incapaci di fare buon viso di fronte al cattivo gioco inscenato, come si addice a tutti gli esseri umani un po’ distratti nell’esercizio delle loro professioni e assolutamente fallibili, in barba a tutti i dogmi del mondo moderno.

 

[adrotate banner=”3″]

Altri post che ti potrebbero interessare

Commenti disabilitati

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi