Scienza e Tecnologia
1

Apple Pay sbarca oggi in Italia

17 maggio 2017
588 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Apple Pay sbarca oggi in Italia

Gira e rigira, sotto il colorato carrozzone di internet, popolato da video, notizie, messaggi, condivisioni, pubblicità e diatribe, si cela l’ineliminabile desiderio di vendere qualcosa a coloro che si trovano dal proverbiale altro alto dello schermo e di riuscire a fare in modo che l’utente medio abbia un accesso al denaro (virtuale) talmente semplificato da poter comprare oggetti e servizi con l’intento di acquistarne degli altri.

In un mondo dove tutto nasce dal denaro e dal denaro ritorna, l’eliminazione del contante fisico in virtù di un corrispettivo hi-tech ha dunque consentito alle aziende di settore, non soltanto di agevolare pagamenti di varia natura, ma anche di poter testare il polso in maniera più puntuale all’acquirente medio, ben lieto di lasciare una testimonianza della sua esistenza, in quanto cliente, a partire dal suo smartphone.

apple pay nfc

Inizialmente osteggiato da numerose catene di distribuzione americane e in fine sdoganato, in virtù del suo appeal sul grande pubblico, il sistema di pagamenti Apple Pay è da oggi disponibile anche in Italia e sarà dunque possibile impiegare iPhone alla stregua di un portafoglio virtuale con il quale poter pagare la spesa al supermercato o in tutti gli esercizi commerciali abilitati a ricevere transazioni in modalità NFC.

Corredato dal collaudato codice di sicurezza che ne ha consentito l’impiego nei 15 Paesi in cui il sistema è attualmente diffuso, Apple Pay dovrebbe godere dell’iniziale supporto di Auchan, Ovs, Sephora e Unicredit, ma il raggio d’azione dovrebbe allargarsi a macchia d’olio in concomitanza con la diffusione dell’offerta, fino a comprendere la quasi totalità delle banche e degli esercizi commerciali presenti sul territorio nazionale nel giro di pochi anni.

Accompagnata dalla solita retorica di Cupertino, la rivoluzione targata Apple Pay non aggiunge in realtà molto rispetto a quanto visto fino ad ora, se non un’ulteriore scorciatoia per far transitare tutti quei flussi di denaro che rappresentano la vera anima della gigantesca festa online.

 

Altri post che ti potrebbero interessare

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi