Scienza e Tecnologia
1

Nuova multa dall’Antitrust per WhatsApp

19 maggio 2017
635 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Nuova multa dall’Antitrust per WhatsApp

A pochi giorni dalla milionaria multa cumminata (finalmente) alla Facebook Inc. per aver costretto gli utenti di WhatsApp a condividere i dati con il social network di riferimento, onde impedire la cessazione del servizio, i guai per Zuckerberg paiono destinati a non finire, dato che la stessa Commissione europea antitrust ha punito le mendaci dichiarazioni del ceo di Facebook con una super multa da 110 milioni di euro.

Facendo un passo indietro, il giorno stesso in cui Facebook decise di acquistare WhatsApp, il signor Zuckerberg giurò e spergiurò davanti alla Commissione europea che, non solo non era sua intenzione collegare tra loro le due applicazioni, ma che la tecnologia presente sui rispettivi servizi non si trovava ad essere tanto avanzata da consentire l’attuazione del diabolico piano.

multa

In caso qualcuno stia pensando che Zuckerberg è libero di usare le applicazioni e i servizi di sua proprietà come gli pare e piace, è bene ricordare che il libero mercato continentale è definito da norme volte a tutelare la sana concorrenza e ad impedire la costituzioni di cartelli in grado di sminuire in modo scorretto le possibilità di successo dei competitors.

Il collegamento tra Facebook e WhatsApp viola palesemente i suddetti confini, creando una sorta di monopolio di fatto, in cui il blasone del social network viene impiegato alla stregua di una sorta di ricatto per spingere gli utenti a votarsi in direzione di applicazioni e servizi facenti capo al medesimo gruppo societario, a discapito di tutti quei concorrenti (Snapchat in primis) che non possono esercitare identiche pressioni sui loro clienti.

Probabilmente percepita alla stregua di un buffetto, data l’entità dei ricavi della Facebook inc, la maxi-multa si pone comunque come un monito per il signor Zuckerberg e per chiunque abbia deciso di giurare e spergiurare il falso ritenendo il proprio conto in banca come uno scudo di fronte ad ogni conseguenza morale e giuridica.

 

Altri post che ti potrebbero interessare

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi