fbpx
Salute e Benessere
1

Ebola, creato vaccino efficace al 100%

23 Dicembre 2016
1254 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Ebola, creato vaccino efficace al 100%

Nonostante il focolaio principale della terribile epidemia di Ebola che aveva tenuto in scacco numerosi paesi africani, nel corso della travagliata estate 2015, risulti ormai spento (e con esso l’attenzione mediatica mondiale), la possibilità che un’epidemia torni in auge non è del tutto remota, data la scarsità di controlli specifici operati una volta sedato l’incendio principale e data la subdola natura dell’agente patogeno incriminato, piuttosto rapido nelle modalità di diffusione e di contagio.

A seguito di una ricerca durata per anni, pare tuttavia che si sia finalmente giunti alla creazione di quel vaccino in grado di garantire la totale immunità dell’organismo umano di fronte alla minaccia, con tasso di sicurezza pari al 100%, e di porsi ben oltre le embrionali misure profilattiche sperimentate nel bel mezzo dell’emergenza, quando i test positivi condotti su un gruppo di primati avevano fatto gridare al miracolo e conferito false speranze relative alla possibilità di arrestare l’epidemia mediante il ricorso al farmaco.

ebolaepidemia_emergeilfuturo

A dare il lieto annuncio sono stati, nel corso delle scorse ore, i delegati dell’Oms che hanno dichiarato come un vaccino di origine canadese risulti effettivamente in grado di proteggere l’organismo fino al 100% e di porsi dunque come termine ultimo di quella ricerca al “sacro Graal” che aveva coinvolto studi medici e laboratori disseminati alle più disparate latitudini del globo terrestre.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti facenti capo all’Oms hanno condotto un lungo test in nuova Guinea che ha mostrato la totale assenza di casi di Ebola presso il campione statistico (pari a 6 mila soggetti) che aveva ricevuto il vaccino, a fronte di 23 episodi di contagio riscontrati presso la popolazione che non aveva ancora avuto accesso al nuovo farmaco.

La genesi del nuovo vaccino dovrebbe dunque scrivere la parola fine sulla tragica epidemia, conclusasi ufficialmente solo nel gennaio 2016, e sulla possibilità che una scarsità di controlli e attenzioni specifiche possa riportare in auge un virus piuttosto funesto e difficile da arrestare attraverso l’adozione di misure adottate a posteriori.

 

[adrotate banner=”5″]