fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Anidride carbonica come carburante per le automobili?

8 Febbraio 2016
1120 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Anidride carbonica come carburante per le automobili?

La ricerca di una fonte combustibile non inquinante ed economica ha contraddistinto l’ultimo trentennio dell’industria automobilistica, fino al punto da portare gli addetti ai lavori a prendere colossali abbagli in materia e reputare fattibili soluzioni poi rivelatesi impossibili, come la celeberrima auto alimentata ad acqua che, in realtà produceva il blocco del motore dopo pochi chilometri a causa di accumuli di ghiaccio al suo interno.

Il versante della ricerca eternamente sospeso tra futuro e fallimento si arricchisce proprio in queste ore di un nuovo studio, condotto in California, che attesterebbe la possibilità di impiegare anidride carbonica come carburante, andando a risolvere problematiche connesse con le fonti rinnovabili e a ridurre logicamente l’impatto di inquinamento ambientale e gas ad effetto serra.

autoanidridecarbonica

Secondo gli scienzati della California del Sud, sarebbe infatti possibile intervenire sulla comune Co2 attraverso un processo di trasformazione in grado di mutare l’anidride carbonica in metanolo e di renderla così funzionale ad alimentare particolari tipologie di motori con un elevatissimo tasso di conversione, dato che i ricercatori sarebbero riusciti a commutare il 79% della Co2 impiegata durante il test in altrettanto metanolo.

Il processo di trasformazione sarebbe reso possibile a partire dalla presenza di temperature piuttosto elevate, tra i 125 e i 165 gradi centigradi, che risulterebbero funzionali alla riconversione di concentrazioni di Co2 paragonabili a quelle presenti nell’aria dei centri urbani in metanolo.

Se lo studio condotto da Surya Prakash e pubblicato sul Journal of the American Chemical Society rivelerà la sua efficacia a seguito di ulteriori test, è lecito immaginare un futuro ecosostenibile e incentrato su carburanti dalla più assoluta reperibilità, altrimenti la soluzione rimarrà purtroppo confinata in quel vastissimo novero di progetti miracolosi solo sulla carta e fallimentari una volta giunti alla triste prova dei fatti.

 

[adrotate banner=”3″]