fbpx
Salute e Benessere
2

Gli energy drinks possono danneggiare il fegato in modo grave

4 novembre 2016
2045 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Gli energy drinks possono danneggiare il fegato in modo grave

Tutte le presunte tisane depurative e gli artifici farmacologici ideati per depurare l’organismo si trovano ad essere assolutamente inutili ed inefficaci per via del fatto che, anche in assenza di intrugli misticheggianti, il nostro fegato provvede già in maniera autonoma ad espellere tutti gli elementi non idonei alla nostra autoconservazione e a mondare il nostro corpo da ospiti graditi e sostanze potenzialmente tossiche, assunte attraverso la dieta.

Se dunque è del tutto superfluo cercare di imporre al fegato una disintossicazione fittizia, sarebbe invece buona norma cercare di non danneggiarlo senza motivo, andando ad evitare l’abuso di farmaci, bevande alcoliche e di quegli energy drinks che possono appesantire ed intasare seriamente la ghiandola preposta allo “smaltimento dei rifiuti”.

energydrinksfegato_emergeilfuturo

A conferma di quanto era già stato postulato a più riprese è infatti giunto uno studio condotto dall’università della Florida volto a chiarire la natura dei danni che gli energy drinks presenti in commercio possono apportare al fegato, prendendo spunto dal recente ricovero (dotato ormai di eco planetaria) di un paziente seriamente intossicato dall’abuso di bibite energetiche.

Secondo i medici provenienti dallo “swing state” elettorale per eccellenza, il superamento della soglia di sicurezza, fissata per gli energy drinks in un consumo pari a circa 20g al giorno, comporta una superproduzione di blirubina in grado di condurre in breve tempo in direzione di una condizione di itterizia o epatite e di danni piuttosto ingenti provocati al fegato.

Ad incidere negativamente sulle funzionalità del fegato sarebbe, nel dettaglio, una particolare sostanza contenuta egli energy drinks (la niacina), che assumerebbe una valenza fortemente tossica in caso di ingestione prolungata e smodata, costringendo il fegato ad un carico di lavoro eccessivo e ad un conseguente blocco delle sue funzioni, originato proprio da una mole di sostanze da eliminare divenuta via via insostenibile.

Salvo nei casi di intossicazione vera e propria o di sopraggiunta condizione patologica, è comunque sufficiente liberarsi dalla presenza eccessiva di scorie lasciate dagli energy drinks semplicemente praticando l’astinenza totale dalle bevande per un periodo pari a tre giorni, durante il quale il fegato provvederà depurarsi anche in assenza d quegli intrugli magici che fanno la gioia dei venditori di tutto il mondo.

 

[adrotate banner=”5″]

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi