fbpx
Salute e Benessere
Like

Caffè col burro per dimagrire: valida dieta o solenne fregatura?

27 Febbraio 2015
1156 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Caffè col burro per dimagrire: valida dieta o solenne fregatura?

In base ad una particolare alchimia, nella maggior parte dei linguaggi parlati al mondo, l’inserimento di una duplice negazione in una frase di carattere assertivo comporta l’affermazione del concetto apparentemente negato di modo che, ad esempio, chi dice di non credere che non si possa riuscire in una dieta, in realtà ci crede eccome.

Negli Stati Uniti, dove le bizzarrie sono ormai all’ordine del giorno, sta prendendo piede una particolare tendenza alimentare in base alla quale l’unione dei grassi presenti nel caffè con quelli presenti nel burro dovrebbe condurre in direzione di un’affermazione del principio opposto, cioè di un rapido ed indolore dimagrimento.

Secondo l’ideatore dell’astrusa soluzione dimagrante, taleDave Asprey, la sostituzione del quantitativo di zucchero comunemente impiegato per addolcire il caffè con una corrispondente mini-porzione di burro aiuterebbe infatti l’organismo ad innescare quella reazione metabolica che prende il nome di chetosi e che consiste nella capacità del nostro metabolismo di bruciare grassi a seguito di un deficit strutturale di zuccheri.

In sostanza, secondo il sedicente nutrizionista a Stelle e Strisce, bere una tazza di caffè con burro porterebbe il nostro metabolismo a soffrire di una carenza di zuccheri e di un corrispondente eccesso dei grassi, dando così luogo ad una reazione in grado di eliminare lipidi in eccesso e di contribuire in modo spontaneo al mantenimento della linea perduta.

L’unica condizione che Apsrey pone alla sua miscela dimagrante è rappresentata dal fatto chel’ingrediente principale della bevanda debba provenire da agricoltura biologica e che il burro impiegato debba essere prodotto sfruttando il latte di animali allevati a pascolo, giusto per aggiungere un tono misticheggiante e neo-hippy alla ricetta della sua pozione magica.

Non pago di aver violentato un povero caffè innocente, Asprey prosegue poi elargendo una serie di consigli che prevedono l’impiego di burro a colazione, pranzo merenda, giusto per non farsi mancare magari un infarto all’ora di cena e il rapido dimagrimento che consegue agli attacchi di cuore.

Premesso che tutti quei regimi alimentari che si basano sulla chetosi tendono a produrre più danni all’organismo umano di quanti possa farne un tir lanciato a tutta velocità in direzione del nostro corpo,la moda che sta spopolando negli USA attesta l’ennesimo fallimento di quel binomio rappresentato da alimentazione equilibrata e attività fisica che solo può produrre il dimagrimento auspicato senza andare ad intaccare le funzionalità degli organi coinvolti.

Sconsigliando vivamente la soluzione denominata Bulletproof a chiunque sia dotato quantomeno di un palato, manteniamo tutte le riserve del caso nei confronti dell’ennesima moda basata sulla bizzarria alimentare, alla quale ci sentiamo di donare una triplice negazione e una totale assenza di approvazione assertiva.

[adrotate banner=”4″]