fbpx
Salute e Benessere
1

Google cerca volontari per “curare” ogni malattia

21 aprile 2017
1077 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Google cerca volontari per “curare” ogni malattia

Molto probabilmente, a livello sanitario, l’ideazione dei motori di ricerca ha fatto molti più danni di quanti ne ha prodotti la celebre Peste Nera, dato che su Google e consimili risultati in evidenza (e dunque quelli più letti e ricercati) non corrispondono quasi mai a contenuti scientificamente approvati, ma sono semplicemente quelli che risultano essere maggiormente in linea con le aspettative della medesima azienda di Mountain Views, secondo uno schema che “premia” gli articoli scritti meglio e quelli meglio indicizzati rispetto a quelli comprensivi di dati ed evidenze universalmente approvate.

Se dunque milioni di persone sono ricorse a pericolosi processi di auto-diagnosi e auto-terapia pensando di trovare chissà quale verità assoluta su Google e incappando spesso in testi privi di reali referenze mediche, Big G intende ora iniziare davvero a pensare alla salute dell’umanità, dando vita ad un particolare progetto finalizzato alla risoluzione di ogni patologie presente sull’enciclopedia medica.

googlevolontari

Condotto in collaborazione con la Duke University School of Medicine e la Stanford Medicine, il progetto Baseline, realizzato dalla divisione medica di Google Verily, mira infatti a “mappare” tutte le malattie esistenti e giungere alla creazione di un database ed in casistica tanto esaustiva da porsi come ausilio medico alla ricerca ufficiale e da semplificare il lavoro a tutti coloro che svolgono studi in materia facendo leva su una letteratura medica spesso frastagliata e variegata.

Attraverso il reclutamento dei primi 10 mila volontari, sottoposti a controlli medici periodici incentrati su tutti i parametri vitali, il Project Baseline mira infatti a creare una sorta di Google Maps medica, aperta e liberamente consultabile da chiunque si trovi alla ricerca di informazioni esatte in materia di diabete, di setticemia o di qualunque altra malattia comporti determinati mutamenti a livello organico.

Piuttosto ambizioso e di lunghissima realizzazione, Project Baseline mira quindi a fornire informazioni certe in materia di salute e medicina e magari a rimpiazzare quel caotico guazzabuglio attuale che prevede la sovraesposizione di contenuti scritti in modo curato rispetto a contenuti autentici e clinicamente fondati, persino in materia di Peste Nera.

 

[adrotate banner=”5″]

 

 

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi