fbpx
Salute e Benessere
Like

Ideato un particolare cioccolato che combatte le rughe

27 Febbraio 2015
1116 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Ideato un particolare cioccolato che combatte le rughe

Sfogliando gli annuali “panieri” redatti dall’Istat si può avere una percezione, seppur sommaria, di come cambiano i nostri costumi e di come vengono impiegate le nostre risorse economiche famigliari: se fino ad una decina di anni fa, le voci di spesa legate all’acquisto di dvd o cd svettavano nella lista dei desideri degli Italiani, nuove voci come “lifting” o “blefaroplastica” hanno cominciato a fare la loro comparsa, denotando una crescente ossessione per il versante estetico legato al naturale invecchiamento.

Con l’intento di relegare gli interventi chirurgici atti a sopprimere le rughe nel medesimo passato remoto in cui albergano cd e dvd, un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge ha messo a punto una particolare barretta a base di cioccolato che promette di ottenere un effetto miracoloso sulla tonicità del viso andando a sostituire bisturi e suture con un pasto decisamente più piacevole e meno invasivo.

Il particolare cioccolato, che verrà presentato al prossimo Global Food Summit di Londra, prende il nome diEsthechoc e nasconde, sotto le sembianze di una comune e succulenta barretta, un concentrato di polifenoli e antiossidanti in grado di restituire la gioventù perdutapersino ad un ottuagenario, sfruttando le proprietà “ringiovanenti” contenute nelle sostanze.

Partendo da una base rappresentata da una tavoletta di cacao fondente puro al 70% (dunque già ricco di antiossidanti di suo) i ricercatori sono riusciti ad aggiungere al prodotto una quantità di polifenoli in grado di garantire un apporto di antiossidanti simile a quello generato attraverso l’assunzione di una quantità di salmone dell’Alaska pari a 300 grami; concentrando il tutto in soli 7,5 grammi di prodotto.

Oltre ad essere un concentrato di polifenoli mai conosciuto prima, l’Esthechoc risulta particolarmente funzionale a chi soffre di problemi di linea, potendo sfruttare un apporto calorico medio per ogni tavoletta stimato nella risibile misura di sole 39 calorie.

I primi test condotti dai ricercatori inglesi su un gruppo di 3000 volontari, di età compresa tra i 50 e i 60 anni, hanno evidenziato un progressivo miglioramento dell’elasticità cutanea e un innalzamento nel tono della pelle dei soggetti in questione, portando così i fruitori del loro prodotto a poter suppore una rapida scomparsa sei termini “lifting” e “blefaroplastica” dall’interno dei nostri panieri, magari persino entro un arco di tempo inferiore a quello in cui abbbiamo salutato per sempre cd e dvd.

[adrotate banner=”4″]