fbpx
Salute e Benessere
1

York, liste d’attesa sanitarie più lunghe per obesi e fumatori

30 Novembre 2016
1180 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
York, liste d’attesa sanitarie più lunghe per obesi e fumatori

Ogni istituzione statale presente al mondo si trova immancabilmente di fronte alla scelta se trattare i suoi cittadini come bambini, andando a vietare loro comportamenti nocivi e punendoli in caso di trasgressione delle regole, oppure se lasciare il popolo libero di autodeterminarsi a livello individuale, andando a censurare solamente i comportamenti in grado di nuocere agli altri o di mettere a rischio la salute pubblica.

Decisamente orientata verso la prima opzione, l‘azienda sanitaria inglese facente capo al Vale of York Clinical Commissioning Group ha deciso di punire tutti i soggetti obesi e i fumatori presenti sul territorio, andando ad allungare ad arte le liste d’attesa previste per ottenere un intervento chirurgico e costringendo tutti coloro che si trovano in sovrappeso a perdere almeno il 10% del loro peso corporeo per potere accedere ad un intervento chirurgico di routine.

obesiyork_emergeilfuturo

Ideata per scoraggiare in modo censorio l’accumulo di grasso e la pessima abitudine del fumo, la norma varata nelle regione dello York comporterà quindi una sorta di suddivisione dei malati in due distinte categorie, con i “buoni” che potranno accedere ai servizi sanitari di base senza limitazione alcuna, mentre obesi e fumatori, ritenuti proverbialmente causa del loro male, costretti a liste d’attesa interminabili e a diete dimagranti da effettuare con la speranza di perdere il tessuto grasso in eccesso in previsione del roseo obiettivo collocato in sala operatoria.

Palesemente discriminatoria e contraria alle libertà individuali, la norma è stata accolta con un immenso strascico polemico e con le proteste delle istituzioni sanitarie centrali, volenterose di vedere cancellata una restrizione che di fatto impone ai medici di trattare i pazienti non in base al loro reale quadro sintomatologico di riferimento, ma in rapporto a condotte di vita giudicate poco salutari o addirittura immorali.

Quanto accaduto nello York segna dunque il fallimento delle numerose campagne informative condotte dal governo centrale e stabilisce un pericoloso precedente, in base al quale numerose aziende sanitarie disseminate per il globo si sentiranno libere di trattare i loro pazienti non più come cittadini, ma come bambini da educare e punire.

 

[adrotate banner=”6″]