fbpx
Salute e Benessere
2

Mangiare gelato al mattino migliora le facoltà del cervello

29 Novembre 2016
2266 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Mangiare gelato al mattino migliora le facoltà del cervello

In base ad un’equazione data ormai per assodata dall’intera comunità scientifica mondiale, assumere sostanze alcaloidi di prima mattina, come tè o caffè, costringe il cervello a sfruttare a fondo le energie accumulate durante il sonno e a compiere quel fatidico risveglio che, in virtù di percezioni sensoriali ancora rattrappite e intirizzite si trova in totale disaccordo con le nostre reali esigenze.

Uno scienziato giapponese, tale Yoshihiko Koga, trovandosi probabilmente stufo di sollecitare le sue sinapsi mattutine mediante il ricorso a bevande che comportano un lieve stato di dipendenza e qualche minimo effetto collaterale, ha deciso di vagliare a fondo le possibili alternative a tè e caffè, scoprendo che una coppa di gelato, consumata di prima mattina, riesce a risvegliare il cervello in modo molto più efficace e a garantire effetti più duraturi nell’arco della giornata.

gelatyocervellomattino_emergeilfuturo

Lo studioso, facente capo alla Kyorin University Hospital di Tokyo ha infatti testato gli effetti del gelato a colazione su un gruppo di volontari, andando ad analizzare, dopo l’assunzione dell’insolito spuntino, i loro livelli di risposta ad una particolare test cognitivo e a misurare nel dettaglio frequenza ed intensità delle onde cerebrali mediante l’utilizzo di appositi strumenti atti a rilevare l’attività neurale collocata in corrispondenza delle aree del cervello deputate all’elaborazione del pensiero.

Come anticipato, i volontari che avevano mangiato gelato mostravano livelli di attività cerebrali superiori rispetto ai loro omologhi, nutriti con colazioni differenti, e riuscivano a rispondere ai test in maniera più rapida ed efficace, mostrando inoltre di riuscire a mantenere intatto l’effetto nel lungo periodo, senza il rischio che il cervello tornasse in fase di sonno una volta digerito e metabolizzato l’alimento.

Tuttavia, gli scienziati giapponesi non sono riusciti ad individuare la ragione del nesso, inizialmente attribuita al freddo, e sono stati costretti a postulare la presenza di un misterioso ingrediente in grado di agire sulle sinapsi, avendo escluso che i benefici del gelato derivassero dal latte o dallo zucchero, dato che altri partecipanti al test avevano assunto i due ingredienti a colazione senza registrare identici vantaggi.

In attesa che la scienza chiarisca l’arcano, pare assodato dunque che il gelato risulta in grado di sostituirsi alle sostanze alcaloidi di rima mattina e a mettere in atto quel risveglio del cervello che spesso poco collima con sensi ancor rattrappiti e volenterosi di fare ritorno sotto le coperte.

 

[adrotate banner=”3″]