fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Apple intenzionata a diventare operatore telefonico?

7 Agosto 2015
1291 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Apple intenzionata a diventare operatore telefonico?

A pochi giorni dalla notizia dell’ideazione di una sorta di sim digitale universale che consentirà, già dal2016, di cambiare operatore telefonico con estrema facilità a partire da smartphones e cellulari, in molti (noi compresi) avevano pensato che l’operazione messa in atto da Apple non fosse che il primo passo verso la trasformazione dell’azienda di Cupertino in un autentico gestore telefonico, ben lieto di sbarazzarsi dell’altrui ingombrante presenza su iPhone e consimili.

Giusto il tempo di qualche indiscrezione e qualche rumors che i responsabili di Apple si sono affrettati a smentire l’operazione, sottolineando che la ditta continuerà a produrre hardware e software, ad offrire servizi via internet, ma che non intende affatto gettarsi a capofitto nel mondo delle compagnie telefoniche e che, per tanto, i prodotti telefonici forniti dalla Mela continueranno a fare affidamento sulla presenza di gestori nazionali, come è sempre stato.

L’esperimento legato ad Apple Sim, già lanciato su iPad e indirittura di arrivo su iPhone pare quindi completamente avulso dall’idea di liberarsi dei gestori telefonici e maggiormente orientato in direzione di una completa fidelizzazione dell’acquirente, finalmente in grado di cambiare gestore e piano tariffario semplicemente facendo affidamento sul proprio dispositivo, destinato così a trasformarsi nella vera costante in uno scenario sempre più mutevole.

L’ipotesi iniziale, lanciata dal sito Business Insider e smentita da Apple, prevedeva in realtà una sorta di fase di transizione in cui la ditta di Cupertino avrebbe offerto servizi telefonici propri, ma facendo affidamento sui ripetitori delle tradizionali compagnie, alle quali avrebbe sostanzialmente subappaltato una serie di servizi e infrastrutture indispensabili al compimento dell’operazione.

La totale assenza di commenti alle indiscrezioni e la lapidaria smentita operata dai delegati di Apple, lascia tuttavia presagire che dietro il “no” categorico si celino piani d’azione ben diversi e che la smentita ufficiale possa servire solo a sviare le acque in attesa di sondare il terreno e vagliare i pro e i contro di un’avventura che potrebbe rivelarsi estremamente redditizia in caso di riconversione globale degli acquirenti Apple al suo ipotetico servizio telefonico.

In attesa di ulteriori rumors e di ulteriori smentite, prendiamo comunque per vera la nota ufficiale emanata da Apple e cerchiamo di accontentarci di quella strana sim universale attraverso la quale cambiare operatore e piano telefonico non comporterà più la presenza ingombrante di trafile burocratiche, suppliche e codici fiscali da esibire ad ogni soffio di vento davanti agli occhi dei più disparati inservienti.

[adrotate banner=”7″]