fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Impact Farm: in arrivo la serra urbana fai da te

11 Febbraio 2016
1106 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Impact Farm: in arrivo la serra urbana fai da te

Da quando provenienza e qualità dei prodotti agroalimentari che affollano le nostre tavole sono divenute la ragione di vita per un cospicuo numero di consumatori, non più disposti a votarsi in direzione di soluzioni poco sicure, ha cominciato a serpeggiare l’idea di giungere un giorno al possesso di una serra domestica personalizzata, in grado di garantire il doveroso approvvigionamento di frutta e verdura, coltivate in casa secondo i parametri preferiti dai fruitori.

Il fatidico giorno in cui sarà più agevole montarsi una serra dentro casa pare avvicinarsi sempre più a grandi passi, grazie al progetto di una start up danese che ha dato vita a Impact Farm, sistema di serre idroponiche che non richiede l’impiego di terra per produrre ortaggi e che risulta pienamente adattabilie ad ogni tipologia di superficie, cemento logicamente incluso.

impactfarmserra

Composta da materiali interamente compostabili e alimentata mediante il ricorso a pannelli di tipo voltaico, Impact Farm richiede una quantità di spazio pari a soli 50 metri quadri per essere installata e può venire tranquillamente montata senza possedere troppe nozioni ingegneristiche in soli 10 giorni dalla sua ricezione.

Ideata per restituire aree di verde a centri urbani sempre più grigi, la piccola serra danese è frutto di un’idea del ricercatore Mikkel Kajer, da sempre volenteroso di riconnettere l’essere umano con un’alimentazione di tipo genuino e di portare la catena agroalimentare a saltare la tappa dell’intermediazione, facendo in modo che produttore e consumatore finale coincidano nella stessa persona.

Per ora presente solo in Danimarca, Impact Farm è destinata ad approdare in tutta Europa, Italia inclusa, in breve tempo, grazie all’onda emotiva prodotta da un numero crescente di consumatori stufi di trascorrere le giornate al supermercato intenti a leggere sugli scaffali dei supermarket la reale provenienza di quanto sta per finire sulla loro tavola.

 

[adrotate banner=”3″]