fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Le bici da hipster possono fare impazzire le Google Car

31 Agosto 2015
1221 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Le bici da hipster possono fare impazzire le Google Car

In caso vi fosse capitato di incontrare uno strano individuo con indosso pantaloni in stile skinhead original, taglio di capelli derivato dal primo rockabilly, barba da boscaiolo, giubbino da pescatore, occhiali da nerd e camicia di flanella da country rocker, avete avuto l’opinabile fortuna di imbattervi in un hipster, prodotto sottoculturale di un’accozzaglia di stili estetici e simbolici assemblati tra loro senza troppa cura e senza troppa conoscenza di quanto quei medesimi simboli ostentati in realtà esprimano.

Oltre alla passione per i sincretismi culturali, pare anche che gli hipsters nutrano uno smisurato amore per il mondo delle biciclette a scatto fisso, vale a dire per quei particolari tipi di bici prive di rapporti scalabili e munite di un sistema, definito a “ruota libera” che impedisce al conducente di eseguire pedalate a vuoto in senso contrario alla direzione di marcia o smettere di pedalare senza arrestare bruscamente il veicolo.

Se queste particolari biciclette rischiano di fare impazzire tutti i veri appassionati di ciclismo e sicurezza stradale, persino le ultra-efficienti Google Cars non riescono a rimanere immuni di fronte all’anomalo veicolo, dato che, stando a quanto riporta il quotidiano Business Insider, pare che un hipster sia riuscito a mandare in tilt il sistema di sicurezza dell’auto senza conducente di Google e ad imporle un arresto forzato.

L’episodio si è verificato ad Austin in Texas, dove unincrocio stradale ha assistito al divertente incontro tra un hipster fermo immobile sulla propria bici ed una Google Car intenta a capire e decodificare l’anomalo segnale prodotto dall’altro veicolo, fino all’epilogo della vicenda, rappresentato da un tilt della vettura di Mountain View, incapace di dare un volto alle anomali oscillazioni prodotte dall’hipster e dalla sua bici.

In sostanza, il sistema di sicurezza delle Google Cars prevede l’arresto del veicolo in caso sulla traiettoria dell’auto si presenti una minaccia incomprensibile e pare proprio che le tremende bici a scatto fisso degli hipster rientrino a pieno titolo nella categoria, non potendo contare sui comuni movimenti di marcia e arresto adottati dalle classiche biciclette.

Pare dunque che a seguito di una serie interminabile di test le automobili senza guidatore di Google dovranno tornare in fabbrica per aggiornare il proprio database mediante l’inclusione i quegli strani soggetti appassionati di sincretismi culturali casuali e di veicoli tanto bizzarri quanto poco consoni ad una normale percorrenza stradale.

[adrotate banner=”7″]