fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Natale 2014, gli auguri degli italiani corrono su Whatsapp

24 Dicembre 2014
996 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Natale 2014, gli auguri degli italiani corrono su Whatsapp

Una volta completata faticosamente la collezione dei regali di Natale, dopo aver scandagliato a fatica gli abissi dei magazzini dei centri commerciali o atteso per giorni l’arrivo del postino con in mano l’agognato pacco proveniente dal misterioso regno di internetlandia, l’ultimo ostacolo che si pone tra noi e la quiete assoluta è rappresentato dagli auguri da inviare a chiunque rientri nella sfera delle nostre conoscenze.

Se fino ad una ventina di anni fa bisognava armarsi di pazienza, inchiostro e bolletta telefonica al fine di non incappare nelle ire di amici, conoscenti, vicini, parenti e relativi, l’avvento di un sistema di messaggistica istantanea su scala planetaria è riuscito a sgravarci del faticoso onere di trascorrere vigilia e antivigilia scrivendo bigliettini ed effettuando lunghe telefonate interurbane.

Secondo i sociologi italiani, pare infatti che il Natale 2014 vedrà una netta la prevalenza di messaggi inoltrati tramite Whatsapp e di biglietti di auguri creati ad arte tramite Instagram, con la stragrande maggioranza dei nostri connazionali che dichiara una spiccata preferenza per tutti quei moderni sistemi che consentono un enorme risparmio in termini economici e di tempo.

Se tuttavia il ricorso ad auguri via messaggio o social network consentiranno di ridare ossigeno a finanze messe a dura prova da regali e presenti vari, pare che l’elemento legato alla creatività individuale sia destinato a sopravvivere, dal momento che la diffusa facilità di comunicazione (e dunque di confronto) tra i destinatari dei nostri auguri ci spinge spesso in direzione di soluzioni originali e personalizzate in grado di non banalizzare o stereotipare il solenne momento.

Secondo i dati raccolti attraverso un rapido censimento natalizio condotto dalla società Network, persisterà comunque una ragguardevole fetta di popolazione (stimata tra il 20 e il 25%) intenzionata a non cedere alle lusinghe della modernità e perpetrare l’antica tradizione che prevede il ricorso a cartoline e biglietti, rigorosamente cartacei, e a lunghe telefonate, rigorosamente a pagamento, con l’intento di non correre il rischio di banalizzare i propri auguri e di non scontentare gli amici e i parenti più stretti mediante l’impiego di una proposta a costo zero.

Qualunque sia il metodo di fare gli auguri natalizi in grado di incontrare le vostre preferenze, l’importante è farli, cercando di dedicare qualche minuto ad un pensiero destinato a suscitare gioia in chi lo riceve: in fondo; dopo le trasferte in tenuta da palombaro nei magazzini dei centri commerciali e gli appostamenti in stile vedetta alla ricerca del postino; un messaggio, una foto o una telefonata appaiono alla stregua di un compito veramente agevole e simpatico.