fbpx
Scienza e Tecnologia
1

Roaming: da domani al via il taglio delle tariffe

29 Aprile 2016
1242 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Roaming: da domani al via il taglio delle tariffe

In un’Europa che si propone sempre più di giungere ad un unico ordinamento giuridico e politico, fatta eccezione quando si costruiscono muri in prossimità del Brennero, nessuno era riuscito a capire perché il semplice valico di un confine comportasse costi telefonici aggiuntivi rispetto alle tariffe in vigore e un ulteriore carico di spese variabile a seconda della nazione in cui si faceva approdo.

Sapientemente ideato per spillare soldi ai numerosi lavoratori e turisti che abbandonano con frequenza i patri confini, l’aumento delle tariffe telefoniche legato al roaming pare tuttavia destinato a vedere entro breve a vedere la sua fine, dato che una recente norma comunitaria impone il suo taglio progressivo e la sua completa abolizione, attraverso una serie di passaggi volti a rendere meno onerosi gli addebiti di riferimento.

pictures from the photo-shoot / campaign shoot Kjerag, Norway 2013. Valid to 2015.

Da domani, sabato 30 aprile, si assisterà infatti al primo taglio delle tariffe previste per accedere ai comuni servizi telefonici e internet dall’estero, con conseguente sgravio degli altissimi oneri al momento presenti e inizio di quel lungo percorso destinato a concludersi con la genesi di un’Europa priva di frontiere telefoniche.

Nel dettaglio, l’operazione porterà già dalla giornata di domani ad una taglio dei sovrapprezzi pari 3-4 volte i costi attuali portando le telefonate, gli sms e il traffico dati a subire un sovrapprezzo pari ad un massimo di 5, 2 e 5 centesimi, in attesa che il taglio definitivo si compia nel corso del mese di luglio del 2017.

Addio quindi a costi aggiuntivi in grado di sfiorare la soglia dei 20 centesimi e a tutte quelle diaboliche trovate che costringevano l’utente a continue spese extra, rendendo l’Europa un po’ meno unita e andando a costruire un metaforico muro al valico di ogni nazione presente nell’Unione.

 

[adrotate banner=”6″]

Commenti disabilitati