fbpx
Motori
2

Lancia Ypsilon: in arrivo la serie di lusso Mya

14 Aprile 2016
1887 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Lancia Ypsilon: in arrivo la serie di lusso Mya

Se il marchio Lancia faceva inequivocabilmente rima, fino al termine degli anni’80, con velleità corsaiole incarnate alla perfezione dalla celeberrima Delta Integrale, il nuovo corso dell’azienda pare sempre più orientato in direzione della conquista di quel pubblico femminile poco volenteroso di premere a fondo sull’acceleratore e attratto da vetture comode, eleganti e compatte.

Sulla sica del successo fatto riportare delle differenti versioni del modello Ypsilon, forse il più femminile mai prodotto dalla casa, Lancia ha infatti deciso di rompere gli indugi e di dare vita da una particolare serie, denominata Mya, rigorosamente vietata ai maschietti e rigorosamente concepita con sfumature di colore inedite e piuttosto eleganti.

ypsilonmya_emergeilfuturoPresentata in occasione della Milano Design Week, la nuova Lancia Ypsilon Mya si ripropone infatti di portare il concetto di lusso applicato ad una city car alle sue estreme conseguenze, curando il nuovo allestimento in ogni dettaglio estetico e superando per sempre il funzionalismo che aveva sempre distinto le vetture di fascia medio-bassa sui mercati.

Disponibile in due distinte tinte di grigio, lunare e ardesia pastello, Lancia Ypsilon Mya appare contraddistinta da interni raffinati, con sedili in tessuto denim e dalla presenza di tutte quelle chicche (vetri posteriori ad effetto oscurato, cerchi in lega diamantati e infotainment di primo livello) generalmente riservate ad altre vetture e ad altri limiti di spesa.

In vendita a partire da 15.650 euro, la nuova Ypslon ha già trovato nell’attrice Kasia Smutniak una testimonial d’eccezione, giusto per ribadire quali siano le reali intenzioni della casa e quanto siano ormai lontani i tempi di quella Delta Integrale che faceva voltare i passanti non certo per le sue finiture raffinate o i suoi interni di tendenza.

[adrotate banner=”3″]

Commenti disabilitati