fbpx
Salute e Benessere
1

Il caffè protegge il cervello dalla demenza?

13 Marzo 2017
1244 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Il caffè protegge il cervello dalla demenza?

La recente scoperta dell’azione esercitata da alcuni suoni “dolci”, audibili durante il sonno.,sul cervello ha mostrato come le patologie di tipo neurodegenerative risultino prodotte a partire da un complesso sistema di fattori e variabili, in grado di favorire la perdita dell’attività neuronale legata alla demenza e all’insorgenza del morbo di Alzheimer, un tempo associata alla semplice formazione di placche amiloidi nel cervello e oggi sempre più correlata ad un complesso sistema ambientale e alimentare.

Nel novero delle possibili soluzioni alla demenza condotte proprio su base alimentare è recentemente entrato anche il caffè, oggetto di uno studio che mostrerebbe come un consumo quotidiano moderato porterebbe in dote una sorta di effetto protettivo di fronte ai rischi legati alla degenerazione neurale e si porrebbe così come una sorta di elisir naturale contro la demenza.

caffèprotegge_emergeilfuturo

Secondo uno studio condotto dai ricercatori facenti capo alla University of Indiana, secondo il quale la caffeina avrebbe il potere di stimolare la produzione di NMNAT2, enzima tradizionalmente associato alla salvaguardia delle strutture cerebrali e correlato con l’attività cerebrale associata alla facoltà mnemoniche e cognitive.

Mediante un esperimento condotto sui topi, la caffeina si è infatti rivelata alla stregua della componente alcaloide maggiormente in grado di stimolare la sorvapproduzione del suddetto enzima e di impedire così quel declino cerebrale associato alla demenza che si manifesta anche in assenza di autentici stati patologici per via dell’incapacità da parte dei neuroni di replicare le sinapsi perdute.

Apparentemente confermata da un’ulteriore indagine pubblicata sul The Journals of Gerontology, la ricerca pare dunque aggiungere un tassello a quel complesso puzzle che prevede la perdita delle facoltà cognitive come una componente inevitabile della nostra parabola umana e che trova nelle  celeberrime placche amiloidi solo un aspetto di un quadro di insieme sul quale risulta possibile giocare d’anticipo anche a tavole.

 

[adrotate banner=”13″]