fbpx
Scienza e Tecnologia
1

Apple “divorzia” da Imagination Technologies

4 Aprile 2017
1017 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Apple “divorzia” da Imagination Technologies

Il recente caso che ha visto Samsung polemizzare con Google, per via della specifica personalizzazione offerta da Android al nuovissimo Galaxy S8, ha riaperto il focus su un mondo in cui tutte le grandi aziende si trovano a dipendere da produttori esterni e a dover ingoiare bocconi, spesso amari, per supplire all’incapacità di realizzare tutta la componentistica hardware e software nei propri comparti ingegneristici interni.

Nota per aver cambiato fornitore di processore una decina di anni fa, passando da Motorola all’arci-nemica Intel, Apple pare aver intrapreso la strada che conduce in direzione dell’emancipazione più assoluta, decidendo di non rinnovare la storica partnership con Imagination Technologies, azienda che da anni fornisce alla casa di Cupertino i chip di tipo gpu sui quali ruota l’architettura di iPhone, iPad, iPod e di tutti i dispositivi della Mela che comportino la presenza di hardware e software studiato per il versante mobile.

applegpu_emergeilfuturo

Accolta con un tonfo solenne sui mercati per il titolo di Imagination Technologies (azienda che esiste più o meno solo in funzione di Apple), la notizia appare propedeutica all’apertura di una nuova divisione ingegneristica da parte dell’azienda di Cupertino, desiderosa di “fare da sé” in tutto e per tutto e di estendere la fortunata ricetta che ha portato alla genesi di un sistema operativo autoctono anche alla componentistica hardware, senza più affidare la progettazione di chip, cpu e gpu a terzi, più o meno affidabili.

Lungo e doloroso come la Brexit , il lungo divorzio si compirà entro un lasso di tempo compreso tra 15 e 24 mesi e si pone come punto di approdo di una trattativa mancata che aveva visto la stessa Apple intenzionata ad acquisire le quote societarie di Imagination Technologies, onde evitare di ingoiare bocconi amari e di doversi un giorno trovare a piangere sul chip versato, un po’ come Samsung sta facendo in questi giorno con Google.

 

[adrotate banner=”7″]