fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Entro il 2018 tutte la auto prodotte dovranno montare un sistema eCall

29 Aprile 2015
1234 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Entro il 2018 tutte la auto prodotte dovranno montare un sistema eCall

Per quanto gli ultimi due decenni abbiano assistito alla creazione di norme sempre più severe rivolte alla riduzione degli incidenti stradali e i vari legislatori si siano cimentati con misure di sicurezza volte a vietare consumo di alcolici, stupefacenti, telefono cellulare, sigarette in presenza di minori e ogni altra attività che risulterebbe sconsigliabile alla guida, purtroppo il bilancio di morti e feriti sulle nostre strade resta drammatico e, con esso, il duro compito dei soccorritori, dalla cui tempestività dipendono le speranze di salvezza dei feriti.

Laddove buon senso e deterrenti non riescono ad arrivare, giunge tuttavia in soccorso la tecnologia, grazie a sistemi automatizzati sempre più efficienti e in grado di porre rimedio non solo alle comuni lacune di guida, ma anche ad inconvenienti collaterali che possono via via tramutarsi in un’autentica emergenza sociale.

Con l’intento di disciplinare un po’ la vita sulle nostre strade e di semplificare l’azione dei soccorsi, il Parlamento Europeo ha insindacabilmente stabilito che tutte le vetture prodotte a partire dal 31 Marzo 2018 dovranno essere munite di un particolare sistema di eCall computerizzato, rivolto ad effettuare chiamate d’emergenza in direzione del 112 in caso di incidenti gravi.

Una volta percepito l’urto, il sistema di eCall provvede automaticamente ad allertare i soccorsi fornendo al contempo l’esatta ubicazione del veicolo incidentato, andando così a sopperire alle tradizionali problematiche legate all’impossibilità di effettuare chiamate in caso di scontro troppo violento e ai tempi di attesa dovuti alla ricerca di qualcuno in grado di allertare automediche e ambulanze.

Sulla base delle nuova normativa comunitaria, non potranno per tanto più essere prodotti autoveicoli e furgoni leggeri privi di eCall entro la data prevista dall’entrata in vigore prevista dalla legge, in attesa che la norma venga estesa anche al versante legato al trasporto pubblico durante il triennio successivo.

La volontà di giungere ad una decisione vincolante per tutti i costruttori nasce dalla triste constatazione relativa ad un numero di incidenti che si è tradotto nella perdita di 25.700 vite durante l’anno solare 2014 sulle strade del vecchio Continente; misura che nelle intenzioni dei legislatori potrebberidursi di un cospicuo 10% sulla base dell’adozione di un moderno sistema di eCall, data l’incidenza delle tempistiche relative ai soccorsi nella mortalità stradale complessiva.

Il sistema sarà ovviamente gratuito e la chiamata effettuata in modalità automatica ai soccorsi non comporterà costi di alcuna natura, esattamente come non comporterebbe costi la rinuncia alla guida in stato di ebrezza o l’adozione di un semplice sistema vivavoce mentre ci si trova la guida; tutti accorgimenti purtroppo rivelatesi insufficienti per via di scarsi deterrenti e di altrettanto scarso buon senso individuale.

[adrotate banner=”6″]