fbpx
Scienza e Tecnologia
Like

Hyundai, un messaggio dalla figlia per il padre nello spazio

21 Aprile 2015
1072 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Hyundai, un messaggio dalla figlia per il padre nello spazio

Per quanto i più avveniristici sistemi di comunicazione risultino indubbiamente comodi e funzionali a mettere in contatto persone ubicate ai più disparati angoli della Terra, anche il più convinto sostenitore delle telefonate via Skype e dei messaggi lanciati nell’etere attraverso WhatsApp sarà costretto a convenire che nulla può eguagliare la poesia di un messaggio realizzato facendo leva su scritte a caratteri cubitali dipinte in cielo, sul deserto o mediante il ricorso a sofisticati giochi di luce.

Presa dallo sconforto per via di una lontananza dal padre dalle tinte ultraterrene, una 13 enne americana ha deciso di rivolgersi alla Hyundai, con l’intento di dar vita ad una gigantesca scritta che risultasse ben visibile fin dalla stazione spaziale internazionale sulla quale il padre della ragazzina si trova intento a lavorare.

Grazie all’impiego di undici fuoristrada e a quell’infinito foglio di metaforica carta e reale sabbia rappresentato daldeserto di Delamar Dry Lake, in Nevada, i responsabili dell’azienda sud coreana si sono rapidamente attrezzati per esaudire il desiderio della piccola Stephanie, tracciando unascritta realizzata attraverso gli penumatici in grado di risultare visibile persino dall’improbabile ubicazione che ospita la stazione spaziale della Nasa.

Grazie alla presenza di un team di esperti internazionali, provenienti dalla Corea, dagli Usa e dall’Europa, lamultinazionale è infatti riuscita accuratamente a pianificare ogni dettaglio dell’operazione e a stabilire, attraverso una lunga settimana di preparativi, l’esatta collocazione della particolare incisione e le precise dimensioni dei caratteri, con l’intento di far pervenire il messaggio fin nello spazio.

Realizzando un inedito record, Hyundai è riuscita nel suo obiettivo e il semplice quanto chiaro messaggio “Steph ti vuole bene” (con un cuore in sostituzione della forma verbale) è stato puntualmente recapitato al padre della ragazzina texana, accorciando per un attimo la distanza emotiva tra i due, percepita da Stephanie alla stregua di un distacco dolroso e incolmabile.

L’operazione è già entrata nel guinness dei primati in qualità di immagine più grande mai realizzata attraverso gli penumatici e Hyundai ha potuto godere di un pizzico di pubblicità come ritorno di un’operazione effettuata a titolo gratuito, portando i suoi fuoristrada Genesis a condividere le gioie dell’avvenuto record; senza dubbio poco agevole, ma infinitamente più poetico di ogni messaggio condiviso quotidianamente attraverso la Rete.

[adrotate banner=”4″]