fbpx
Intrattenimento
3

Toni Servillo riprende uno spettatore intento ad usare il cellulare

6 febbraio 2017
3663 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Toni Servillo riprende uno spettatore intento ad usare il cellulare

Se fino a pochi anni fa la sola idea di accendere il telefono cellulare all’interno di una sala cinematografica o di un teatro avrebbe fatto capolino solo nella mente di soggetti poco educati e irrispettosi dell’altrui volontà di godersi lo spettacolo, pare che ora la prassi di riprendere con la videocamera integrata tutto quanto entra nel nostro campo visivo sia divenuta la costante di ogni manifestazione pubblica e che la possibilità di assistere alla proiezione di un film o ad una recita senza vedersi friggere il cervello e lo sguardo da centinaia di flash appaia sempre più alla stregua di una chimera.

Fortunatamente, esiste ancora un novero di attori e cantanti per i quali l’impiego degli smartphone nel bel mezzo di un’esibizione rappresenta un colossale fastidio e, dopo il caso che aveva visto Gianna Nannini imbufalirsi per l’eccesso di flash e riprese, è ora la volta di Toni Servillo, lesto nell’interrompere il suo spettacolo per riprendere uno spettatore intento a trastullare il suo smartphone, in barba alla solennità scenica del momento e al fastidio procurato agli altri spettatori.

toniservilloelvira_emergeilfuturo

Stufo di assistere al contro-spettacolo messo in scena da un signore seduto in prima fila, intento ad armeggiare col cellulare per tutto il primo quarto d’ora della rappresentazione “Elvira”, Toni Servillo ha infatti deciso di interrompere la recita, scendere dal palco e riprendere il disturbatore, spiegandogli che la vita reale non assomiglia affatto al suo corrispettivo virtuale e suggerendogli di spegnere il diabolico smartphone fino al termine della rappresentazione teatrale.

Stando alle cronache locali, il signore seduto in prima fila non si sarebbe infatti limitato al (già fastidioso) costume legato alla navigazione web o all’invio di messaggi, ma avrebbe addirittura risposto a chiamate in entrata, facendo così ripiombare il resto del pubblico, intento ad immergersi in un mondo di magia e finzione, negli oscuri meandri di una realtà sempre più monopolizzata dalla componente hi-tech.

L’intervento di Servillo è stato accolto, inutile dirlo, con lunghi applausi da parte del pubblico in sala e con somma gioia di tutti quegli attori e cantanti che temono episodi analoghi, dovuti ad una preponderanza tecnologica che si è posta come cavallo di troia per lo sdoganamento dell’antichissima maleducazione umana.

 

[adrotate banner=”6″]

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi