fbpx
Salute e Benessere
1

Vivere a contatto con la natura allunga la vita, soprattutto alle donne

18 Aprile 2016
1848 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Vivere a contatto con la natura allunga la vita, soprattutto alle donne

Oltre a concentrazioni di polveri sottili degne di una camera a gas, vivere in città comporta la costante esposizioni a fonti di inquinamento acustico e mentale in grado di spingere i nostri bioritmi in direzione di una sorta di tilt perenne, in grado potenzialmente di riverberarsi sulla durata stessa della vita oltre che sulla sua intrinseca qualità.

Stando a quanto sostiene un recente studio condotto dalla T.H. Chan School of Public Health di Harvard esiste infatti una netta differenza tra l’aspettativa di vita di coloro che popolano i centri urbani della grandi città e coloro invece che tendono a fuggire dalla città per immergersi nella natura; differenza che investe soprattutto l’ambito femminile e che può spingersi in direzione di un prolungamento della vita pari al 12%.

vivereincampagna_emmergeilfuturoAnalizzando la longevità di un campione di soggetti dislocato tra campagna e città, i medici americani hanno infatti riscontrato la presenza di una serie di fattori in grado di condurre all’allungamento della vita presso coloro che si erano dati alle gioie del verde, data la loro minore esposizione a fonti di stress potenzialmente fatali per il sistema cardiovascolare e la loro maggior tendenza a praticare attività fisica costante e regolare.

La ricerca, incentrata su circa 100 mila volontari di sesso femminile, ha inoltre mostrato come l’incidenza di patologie respiratorie diminuisse del 34% presso le abitanti delle verdi campagne e come, chi aveva deciso di abbandonare le ansie dela città traesse benefici anche in materia oncologica, con un rischio di contrarre il cancro inferiore di circa il 13%.

Pare dunque che i centri urbani si configurino alla stregua dei killer non tanto silenziosi della nostra aspettativa di vita e che l’abbandono dei ritmi frenetici da città possa portare ad uni insperato allungamento della vita, oltre all’ovvio miglioramento della sua intrinseca qualità.

[adrotate banner=”3″]

Commenti disabilitati