fbpx
Universo Bambini
1

Varicella, solo il 30% dei bambini è vaccinato

24 novembre 2016
3148 Visualizzazioni
0 Commenti
3 minutes read
Varicella, solo il 30% dei bambini è vaccinato

Nel calderone degli infiniti luoghi comuni che prevedono la malattie infettive infantili come assolutamente incapaci di nuocere e che si accompagnano ai proverbiali riferimenti al fatto che tutti noi le abbiamo avute e siamo agevolmente sopravvissuti alla minaccia, la varicella occupa sicuramente un posto d’onore, dato che l’immaginario collettivo tende ad associarla ad un lieve fastidio transitorio assolutamente non in grado di evolvere in direzione di complicazioni gravi o addirittura letali.

Per quanto nella maggior parte dei casi (per fortuna) le cose stiano effettivamente così, la varicella porta comunque in dote una serie di fattori di rischio non indifferenti e può agevolmente accadere che la sua contrazione non si riveli esattamente alla stregua di una passeggiata, dato che i casi di bimbi che terminano la loro esperienza nel più vicino ospedale non sono affatto isolati o poco frequenti.

varicella_emergeilfuturo

La varicella può infatti dare origine ad un ampio spettro di complicazioni patologiche, in grado di comprendere infezioni cutanee, dovute alle proverbiali crosticine pruriginose che fungono da porta d’accesso per i batteri, infezioni polmonari e addirittura problematiche di tipo neurologico nei casi più gravi.

In virtù di una scarsa informazione in merito e del fatto che il vaccino di riferimento non si torvi incluso nel novero di quelli obbligatori e dunque gratuiti, il ricorso alle misure profilattiche del caso si è fatto negli anni sempre meno frequente, fino a spingersi sotto la soglia del 30% ed azzerare così quella copertura vaccinale che risulterebbe in grado di debellare la malattia alla Penisola.

Secondo una recente ricerca condotta dagli immunologi nostrani, pare addirittura che la maggior parte dei genitori italiani, circa il 70%, non sappia nemmeno dell’esistenza del suddetto vaccino, ideato una decina di anni fa e rimasto a lungo un oggetto misterioso, in virtù della sopracitata sottovalutazione della patologia e della scarsa opera di promozione operata dalla autorità sanitarie, spesso convinte a loro volta della quasi inutilità della misura.

Dispensato in due dosi distinte, il vaccino rappresenta, come prassi impone, l’unica arma in grado di scongiurare la varicella ed è per tanto raccomandato a chiunque voglia evitare inutili problematiche di salute e decida di non affidarsi a quei proverbiali “l’abbiamo fatta tutti senza problemi” che rappresentano lo strato fertile utile alla sopravvivenza e alla proliferazione dei microrganismi patogeni.

 

[adrotate banner=”4″]

Questo sito utilizza Cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi sapere di più clicca su maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi